«

»

Mar 01

Stampa Articolo

Come eliminare macchie graffi e ammaccature del legno

Come-eliminare-i-danni-dal-legno.jpg

Per rimettere a nuovo i mobili alcune volte basta eseguire semplici riparazioni.

Valutate i danni

Prima di intervenire su un mobile usato, osservatelo attentamente.

Identificate l’eventuale presenza di tarli, controllate la stabilità scuotendo leggermente le gambe e le altre giunte, fate scorrere i cassetti e accertatevi che i cardini funzionino.

Attenzione ai danni più gravi: le macchie scure indicano che è penetrata acqua nel legno e questo vuol dire che bisogna togliere la vernice completamente e lucidare il mobile nuovamente.

Non cercate comunque di restaurare in casa mobili di antiquariato o preziosi, affidatevi ad un esperto.

Che cosa occorre:

Guanti di plastica

Per i segni dei bicchieri:

olio di lino e trementina

Per i graffi leggeri:

carta smerigliata fine e olio di lino

Per le scalfitture:

Prodotto antigraffio per legno oppure cera d’api, pastelli a cera ( per mobili rifiniti a olio, cera o lacca.

Per mobili lucidati con gommalacca bastoncino di shellac

Per le ammaccature:

Ferro da stiro e straccio umido.

I danni superficiali del legno

Tante volte le superfici lucidate con gommalacca o cellulosa presentano macchie bianche oppure i classici segni lasciati dai bicchieri o dalle tazze troppo calde.

Potete eliminare queste macchie con  trementina e olio di lino mescolati in parti uguali. Rimuovete i residui con aceto e ripetete l’operazione fino a che la macchia non sarà sparita.

In vendita vi sono diversi prodotti specifici per questo problema se li adoperate usate sempre le istruzioni riportate sul prodotto.

I graffi

Se sono dei piccoli graffi raschiateli con carta smerigliata finissima bagnata con un goccio di olio di lino. Strofinate leggermente nella direzione della venatura del legno.

 Eliminare-i-graffi-dal-legno.jpg

I danni del legno lucidato a cera

Se vi sono dei piccoli fori ( dei tarli o delle bruciature superficiali) possono essere trattati con un prodotto apposito a base di cera che si trova in commercio in diverse colorazioni, oppure con cera d’api morbida, anche questa in vendita nei negozi fai da te o nei colorifici, o anche con un pastello a cera.

La cera antigraffio

Strofinate la cera nel graffio e lasciatela indurire, ripetete più volte l’operazione se il graffio è profondo. Rimuovete gli eventuali residui con uno straccio e lucidate con un prodotto a base di cera.

 Cera-antigraffio.jpg

I pastelli a cera

Sono molto utili poiché se sciolti e reimpastati  permettono di ottenere l’esatto colore del legno.

Sciogliete i pastelli spezzettati in un cucchiaio riscaldato oppure, a bagnomaria in un piatto rivestito da un foglio di alluminio.

Quando si saranno raffreddati, amalgamateli con le dita fino ad ottenere un impasto omogeneo da applicare nella scalfittura con la lama di un coltello.

Lasciate indurire per qualche tempo, quindi strofinate leggermente la superficie con un foglio di carta smerigliata fine e lucidate nuovamente con la cera.

 pastelli-a-cera.jpg

I graffi del legno lucidato con la gommalacca

Prima di iniziare, pulite bene il graffio in modo da togliere tutte le schegge del legno.

Riempite il graffio o il foro con più strati di gommalacca dopo averla versata in un piattino e lasciata indurire. Livellate i bordi del graffio con la carta smerigliata fine.

Fate colare una piccola quantità di lucido nel graffio servendovi di una pennellino e lasciate indurire prima di applicare un secondo strato.

Ripetete l’operazione fino a che il graffio non sarà mascherato.

Infine strofinate leggermente la superficie trattata con carta smerigliata immersa in olio di lino, passate poi un panno morbido su tutta la superficie.

 Gommalacca.jpg

Le ammaccature

Sulle superfici di legno solido le ammaccature possono essere eliminate stendendovi sopra uno straccio umido e premendo con la punta calda del ferro da stiro. Questo procedimento solleverà l’incavo facendo penetrare una certa dose di umidità nelle fibre del legno.

Attenzione a non bruciare il legno, non usate mai il ferro troppo caldo e non lasciatelo a lungo sulla superficie.

Le-ammaccature-del-legno.jpg

Mascherare gli interventi

Per camuffare le riparazioni dei danni superficiali utilizzate del lucido a base di cera.

I bordi delle aree riparate cosi saranno meno visibili.

Infine ripassate l’intera superficie con uno strato di lucido a base di cera.

Applicate una piccola quantità e strofinate bene, quindi lucidate con uno straccio morbido.

Il lucido da scarpe è ideale per mascherare gli interventi o per camuffare i graffi sulle superfici più scure. Procuratevi del lucido di una tonalità simile a quella del legno, oppure sovrapponete diverse tonalità se volete ottenere un risultato perfetto. Strofinate bene quindi lucidate l’intera superficie con la cera.

Se con la pulitura è andata via la lucidatura superficiale  e il legno appare arido e sbiadito passate un prodotto rivitalizzante specifico prima di stendere l’ultimo strato di cera.

Sicurezza

Quando maneggiate prodotti chimici lavorate in una stanza ben ventilata, non lavorate mai vicino a fuochi e non fumate.

Indossate guanti protettivi di gomma.

Come pulire, lucidare e eliminare i tarli dal legnoCome-pulire-il-legno.jpg homeHome

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 7.1/10 (10 votes cast)
Come eliminare macchie graffi e ammaccature del legno, 7.1 out of 10 based on 10 ratings

Permalink link a questo articolo: http://vitavaricolori.altervista.org/2013/03/come-eliminare-macchie-graffi-e-ammaccature-del-legno/

8 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. Raffaella Scola

    Questo articolo lo salvo, molto interessante! grazie! 🙂

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    1. MARLY

      Ciao Raffaella benvenuta
      Mi fa piacere che questo articolo ti interessi =D Buona giornata!!!

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  2. marco

    Per quanto tempo il ferro da stiro e la temperatura?…sul parquet siccome mi era stato accennato da chi me lo mise,ma non sapendo i tempi non vorrei rischiare il peggio!grazie

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    1. MARLY

      Ciao
      La temperatura del ferro come scritto nell’articolo non deve mai essere eccessiva, usa la temperatura media.
      La cosa molto importante è che tu controlli sempre che lo straccio sia sempre molto umido, perciò se si dovesse cominciare ad asciugare bisogna bagnarlo di nuovo. Il vapore che fuoriesce farà dilatare il legno, quando L’ammaccatura raggiungerà la superficie, togli il panno bagnato e il ferro e lascialo asciugare. Raccomandiamo di nuovo di controllare sempre che il panno sia molto umido.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  3. Rita

    Articolo molto interessante, sei la migliore!
    Sai ho un problema con il mio tavolo nero di legno, ha qualche graffietto, farò così,grazie davvero,Rita M

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    1. MARLY

      Ciao Rita, sei gentilissima!!!
      Sono contenta che i miei consigli ti sono utili 🙂

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  4. Elena

    Grazie, i tuoi post sono sempre di aiuto!

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 1.0/5 (1 vote cast)
    1. MARLY

      Ciao Elena, sono contenta che i miei post ti siano utili 🙂
      Grazie mille!!!

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>