«

»

Feb 08

Stampa Articolo

Risparmiare in casa-idraulico fai da te

fai da te

Come sbloccare una valvola? Come riparare serbatoi che traboccano? Come liberare tubi di scarico otturati? Come rimediare ai problemi idraulici che possiamo risolvere da soli senza pagare conti salatissimi?

 

L’impianto idraulico spesso per molte persone è un vero mistero.

Finchè funziona perfettamente ne dimentichiamo quasi l’esistenza. Quando si verifica un guasto, però incominciano le telefonate frenetiche all’idraulico, e magari lo si attende per più di un giorno e alla fine quando arriva, si pagano conti salatissimi per riparazioni a cui si sarebbe potuto provvedere da soli o addirittura evitare con un minimo di manutenzione preventiva.

schema impianto idraulico

Clicca sull’immagine per ingrandirla

 

Spesso il guasto a una tubazione provoca  perdite di acqua attraverso i muri, le scale e nei piano inferiori dei condomini, con danni a volte anche ingenti ai propri appartamenti e a quelli altrui.

In questi casi è necessario intervenire prontamente per minimizzare i danni, ma lo si può fare ovviamente, conoscendo alcune regole di base  sul funzionamento dell’impianto.

Per prima cosa bisogna individuare la posizione di tutte le valvole ( o rubinetti) provando ad azionarle per capire su quali parti dell’impianto agiscono (acqua fredda, acqua calda, riscaldamento centrale, ecc.).

Fate un elenco da tenere in un posto sicuro cosi da sapere con precisione quale valvola chiudere se si verifica una perdita.

Tenete d’occhio in modo particolare i serbatoi, che possono traboccare e gli scarichi che possono otturarsi.

Un impianto idraulico domestico è composto essenzialmente da tre parti:

1) Adduzione di acqua fredda ai punti dove serve ( rubinetti e serbatoi ).

2) Smaltimento delle acque “usate” da bagni, lavelli, ecc.

3) La terza parte è quella che riceve queste acque nel sottosuolo per portarle alla rete fognaria.

Adduzione dell’acqua fredda

All’interno delle nostre abitazioni vi è una valvola ( o rubinetto centrale ) che all’occorrenza blocca l’acqua e che quindi potete chiudere personalmente.

In genere è collocata sotto le scale, oppure in giardino, o sotto il lavandino della cucina, oppure nascosta con il contatore in un’apposita cassetta.

Azionatela di tanto in tanto per verificare che non si sia bloccata.

Da questo rubinetto, l’acqua arriva in un serbatoio di accumulo, che alimenta il wc, gli scaldabagni, le caldaie e tutti i rubinetti di acqua fredda, tranne quello della cucina che di solito attinge direttamente dalla rete idrica.

Vi sono però tante case in cui manca il serbatoio di accumulo, quindi gli scaldabagni, i wc e tutti i rubinetti di acqua fredda vengono alimentati direttamente dalla rete idrica urbana.

Accanto al rubinetto centrale dovrebbe essere collocato un altro rubinetto di drenaggio la cui funzione è quella di svuotare tutte le tubazioni della casa. Cosi è possibile lavorare all’asciutto quando si deve intervenire su qualsiasi parte dell’impianto.

Il serbatoio o il wc si riempiono d’acqua fino al giusto, attraverso un dispositivo automatico a galleggiante.

Questo dispositivo fa entrare acqua se si trova in basso, cioè se non vi è acqua, o se ve ne poca, e arresta il flusso quando l’acqua ha raggiunto il giusto livello e il galleggiante si trova in alto.

Quindi si può dire che il galleggiante è il sensore del livello dell’acqua e, a seconda della sua posizione, apre o chiude una valvola attraverso cui l’acqua arriva nel serbatoi o nel wc.

Se per un motivo qualsiasi questa valvola non fa tenuta, l’acqua continuerà ad arrivare nel serbatoio a riempirlo totalmente fino a fuoriuscire.

Per evitare questo i serbatoi sono forniti di un tubo di scarico di sicurezza che getta all’esterno gli eventuali eccessi di acqua.

I motivi per cui una valvola a galleggiante non ha più tenuta sono diversi:

sporcizia, usura, depositi calcarei dovuti alla durezza dell’acqua.

L’impianto di scarico in casa

Il lavandino , il bagno, la doccia, il bidet, il wc ecc., qualsiasi apparecchiatura idraulica necessita di uno scarico per convogliare le acque verso la fognatura.

Al di sotto di ognuna di queste apparecchiature vi è un tubo piegato a forma di U o di P ( sifone ) che rimane sempre pieno di acqua, impedendo cosi ai cattivi odori che provengono dalla fogna di arrivare in casa.

I diversi tubi di scarico confluiscono generalmente in quello del wc che  convoglia l’acqua all’esterno direttamente oppure attraverso un pozzetto.

Lo scarico nel sottosuolo

Una tubazione di grosso diametro (colonna di scarico)  porta tutte le acque di scarico della casa, al primo pozzetto di ispezione e manutenzione e poi  nella condotta della fognatura urbana.

Attrezzi speciali

Alcuni attrezzi possono essere utili per sbloccare una tubazione otturata:

Sturalavandini

E’ costituito da una coppa in gomma attaccata  a un manico in legno che viene opposta sullo scarico da sturare  e spinta alternativamente verso il basso e verso l’alto con azione pompante.

Cavo d’acciaio flessibile

E’ un cavo d’acciaio alla cui estremità vi è una “testa” che spinta dal cavo, sblocca la tubazione otturata.

Prevenire i problemi 

Non gettate olio e grassi giù per gli scarichi. La loro viscosità tende a trattenere altri detriti e a creare ostruzioni.

Pulite regolarmente le tubazioni di scarico con soda caustica e acqua calda.

Non buttate qualsiasi cosa nel wc e fate attenzione anche a quello che i bambini vi gettano.

Tenete puliti tombini , pozzetti e griglie di protezione, lavandoli almeno ogni sei mesi.

Se le griglie sono poste dove si accumulano foglie secche ispezionatele spesso e tenetele libere.

Non lasciate gocciolare i rubinetti se la temperatura e sotto zero perchè potrebbero crearsi delle ostruzioni dovute al ghiaccio nei tubi di scarico.

sicurezzaPrima di effettuare un qualsiasi lavoro fai-da-te leggete attentamente Riparare in sicurezza      

 

scarico otturatoCome liberare gli scarichi otturati

 sbloccare-i-rubinetti.jpgCome sbloccare i rubinetti

galleggiante bucato  Come riparare i galleggianti 

ripulire il pozzettoCome pulire il pozzetto

scongelare i tubi ghiacciatiTubi ghiacciati cosa fare

tubo riparatoCome riparare un tubo che perde                 homeHome

 

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 7.2/10 (5 votes cast)
Risparmiare in casa-idraulico fai da te, 7.2 out of 10 based on 5 ratings

Permalink link a questo articolo: http://vitavaricolori.altervista.org/2013/02/risparmiare-in-casa-idraulico-fai-da-te/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>