Nov 14

Elettricità-Fai da te

    

corrente elettrica-Fai da teElettricità: elementi base per  piccoli  lavori di   manutenzione e riparazione

Ci sono tanti lavoretti di riparazione e di manutenzione elettrica in casa che si possono fare anche da soli, senza bisogno di dover ricorrere all’elettricista.
Serve un pò di attenzione, una buona strumentazione e qualche nozione fondamentale di base, anche per capire quando è possibile il fai-da-te e quando invece bisogna chiamare l’elettricista.

Ampère: 

Unità di misura della quantità di corrente che scorre in un circuito.
Calcolare l’intensità di corrente assorbita da un elettrodomestico non è difficile,
basta dividere la potenza (misurata in watt) per il valore della tensione di rete (di solito 220-240 volt).
Contatore:   contatore Enel             

Apparecchio che ci indica quanta energia elettrica consumiamo, e in base alla quale viene emessa la bolletta di pagamento da parte dell’ente fornitore.
L’unità di misura dell’energia è il chilowattora (kWh) da non confondere con i chilowatt che è invece l’unità di misura della potenza elettrica. Per esempio, una aspirapolvere da 1000 watt di potenza, cioè 1 kW, se tenuta accesa per un’ora, consuma 1 chilowattora (kWh).
Ogni contatore è adatto per certe intensità massime di corrente (espresse in Ampère e indicate con la lettera A),per una certa tensione (espressa in volt e indicata con la lettera V), e per una certa frequenza di rete (espressa in hertz e indicata con Hz).
La frequenza di rete è ormai, per lo meno in Europa, di 50 Hz (60 Hz negli Stati Uniti).
Fusibile:   Fusibile

Piccolo dispositivo di sicurezza che, se sottoposto a eccesso di corrente, fonde e ne interrompe lo scorrimento.
Deve essere adatto al circuito e all’uso per il quale è installato e può essere facilmente sostituito.
Nei vari utilizzatori e nel circuito di casa sono presenti diversi tipi di fusibili e conviene averne sempre qualcuno di scorta.

Corto circuito:   cortocircuito

Contatto violento tra due conduttori che interrompe il passaggio di corrente elettrica, dopo aver messo in azione il dispositivo di sicurezza del contatore.
Quando due conduttori sotto tensione vengono a diretto contatto si ha un violento passaggio di corrente con sviluppo di calore. I conduttori possono fondersi e l’eccessivo assorbimento fa scattare l’interruttore generale e il salvavita.

 

Salvavita e interruttore generale

salvavita e magnetotermico

Interruttore automatico che scatta se nel circuito elettrico si verifica una fuga di corrente.
Una volta scattato non permette che si ripristini il passaggio di corrente se prima non si ripara il guasto.
L’interruttore generale scatta quando a causa di un sovraccarico elettrico sulla rete domestica, si creano delle temperature elevate nell’impianto che lo metterebbero fuori uso o addirittura, nel caso dei cortocircuiti, potrebbero dar luogo a incendi.
Lo scatto automatico dell’interruttore toglie la corrente a tutta la casa ed evita quindi danni maggiori.
Naturalmente, prima di ridare corrente all’impianto occorre scoprire la causa del sovraccarico ed eliminarla, altrimenti l’interruttore scatterà di nuovo automaticamente non appena reinserito.
Una delle cause più comuni del sovraccarico è quando in casa si utilizzano contemporaneamente più elettrodomestici per quanto l’impianto ne sopporti, quindi dobbiamo spegnerne almeno uno.

Riparare in sicurezzasicurezza

 

Ognuno di noi ha in casa un impianto sicuramente, installato da personale specializzato che a parte gravi guasti, per i quali conviene chiamare un tecnico, può richiedere interventi di fai-da-te piuttosto semplici.

Prima però bisogna seguire scrupolosamente queste poche e semplici norme:

Togliere la corrente elettrica agendo sull’ interruttore principale quando dovete compiere qualsiasi operazione sull’ impianto elettrico, compresa la semplice sostituzione di una lampadina.

Usate solo utensili in regola con le norme del comitato Elettronico.

Staccate la spina di qualsiasi apparecchio che abbia bisogno di riparazione.
Se non riuscite ad individuare un guasto, non insistete sulla ricerca e rivolgetevi ad un elettricista.
Se il guasto risulta esterno alla vostra casa avvertite l’ente erogatore.

Non usate per nessun motivo, apparecchi elettrici (per esempio fon, rasoio elettrico, arricciacapelli ecc) mentre siete immersi nella vasca da bagno, sotto la doccia oppure a piedi nudi nel bagno.

Non pulite apparecchiature elettriche con strofinacci o spugnette umide se non dopo averle disinserite dalla rete. Viene spontaneo con l’aspirapolvere, è più difficile ricordarselo nel caso del forno elettrico incorporato alla cucina a gas, ma è una precauzione indispensabile. Attenzione particolare ai lampadari.

Non avvolgete mai il filo elettrico intorno al ferro da stiro finchè la piastra non è completamente raffreddata. Il calore danneggia la guaina isolante e i rischi di corto circuito diventano alti.

Colori e funzioni dei cavi elettrici  Fai da te-Gli attrezzifai da te

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.8/10 (4 votes cast)
Elettricità-Fai da te, 8.8 out of 10 based on 4 ratings

Permalink link a questo articolo: http://vitavaricolori.altervista.org/2012/11/elettricita-fai-da-te/

3 comments

  1. Hello. fantastic job. I did not expect this. This is a impressive story. Thanks!

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  2. I always was interested in this subject and stock still am, thank you for posting.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 1.0/5 (1 vote cast)
  3. Thank you for the sensible critique. Me and my neighbor were just preparing to do some research on this. We got a grab a book from our area library but I think I learned more clear from this post. I am very glad to see such great info being shared freely out there.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Lascia un commento

Your email address will not be published.